Conservativa pedodonzia e protesi

team4

Dott. Luigi Di Domenicantonio

Direttore sanitario

 

L’odontoiatria conservativa si occupa della restaurazione di denti che presentano, conseguentemente a carie o traumi, lesioni dello smalto e (in alcuni casi) della dentina.conservativa Il termine conservativa indica proprio l’obbiettivo di tale cura: la conservazione del dente altrimenti distrutto.

Nel caso di piccole o medie lesioni si procede con una tecnica diretta. Tale tecnica consiste nella preparazione della cavità nel dente e nella conseguente otturazione in un’unica seduta.

Nel caso di eccessiva perdita di sostanza dentale si procede con la tecnica indiretta. In questo caso l’odontoiatra prepara la cavità e ne rileva l’impronta; successivamente tale impronta viene inviata ad un odontotecnico specializzato nella costruzione di protesi. Il prodotto dell’odontotecnico verrà utilizzato dall’odontoiatra per la chiusura della cavità.

In entrambi i casi, la preparazione della cavità consiste dell’asportazione dello smalto o della dentina interessati dalla carie e dalla successiva modellazione della cavità affinché risulti estremamente ritentiva nei confronti del materiale utilizzato per l’otturazione.
Nel caso di carie profonde vi può essere un interessamento della polpa dentale, contenente anche le fibre nervose; in questo caso prima di procedere con un intervento conservativo, si esegue una cura canalare, anche detta trattamento endodontico o devitalizzazione.
Fino a qualche anno fa il materiale utilizzato per interventi di odontoiatria conservativa era l’amalgama d’argento. Tale materiale è stato ora quasi completamente rimpiazzato dai cosiddetti materiali compositi.

Pedodonzia

La pedodonzia è quella branca dell’odontoiatria che si occupa della salute orale dei bambini. Il nostro obbiettivo è quello di consentire al bambino di giungere fino all’età adulta senza problemi di salute orale, intercettando i problemi in fase iniziale. Oggi abbiamo tutti i mezzi e le conoscenze per raggiungere questo importantissimo obiettivo.

  • I nostri obiettivi
    • Rimuovere le infezioni.
    • Preservare la funzione masticatoria.
    • Mantenere la lunghezza dell’arcata: il dentino da latte ha la funzione di mantenere lo spazio per il dente permanente che eromperà.
    • Stimolare la crescita dell’osso alveolare: il dente è il fulcro della crescita ossea, la perdita precoce è sempre associata ad una minor crescita ossea sia dei mascellari ma in generale dello scheletro maxillo-facciale.
      Intercettare eventuali abitudini viziate e malocclusioni.

  •  Prevenzione pedodontale

  • Igiene orale
    La placca ha un ruolo fondamentale nell’eziologia della carie. La placca è costituita da macrocolonie di batteri contenute in una matrice organica.
    I batteri non iniziano i processi di demineralizzazione dello smalto finché non aderiscono ai denti tramite la placca dentale. La rimozione della placca rappresenta uno dei cardini della prevenzione. Per noi è fondamentale insegnare ai piccoli pazienti una corretta tecnica di spazzolamento.

  • Sigillature
    La sigillatura è una protezione meccanico-fisica per alcune aree dentali, come solchi profondi e fossette, che riduce l’incidenza della carie.
    Consiste nell’applicazione di resina protettiva fotopolimerizzante in corrispondenza di tali solchi e fossette sulla superficie occlusale dei molari. Ricordiamo però che gli spazi interdentali si possono comunque cariare.

  • Terapia pedodontale

  • Otturazione
    La tecnica consiste nella rimozione della carie previa anestesia al dente. La cavità verrà disinfettata e ricostruita con i compositi ovvero resine microriempite fotopolimerizzanti.

  • Estrazione
    Si procederà all’estrazione in presenza di carie talmente estesa da non consentire il recupero funzionale del dente. Dopo l’estrazione sarà necessario valutare l’eventuale applicazione di mantenitori di spazio ovvero di apparecchietti che hanno la funzione di mantenere lo spazio per i denti permanenti.

  • Protesi fissa

  • Corone zirconio ceramica
    La corona dentale è un “guscio” estetico che viene utilizzato per proteggere e ricostruire i denti danneggiati da carie molto estese,ponte-zirconio-ceramica-Small traumi o usura.

Non eseguire la corona consigliata significa sottoporre il dente ad un’elevato rischio di frattura con conseguente necessità di estrazione dello stesso.

Lo zirconio è un materiale di ultima generazione molto resistente da un punto di vista clinico, perfettamente biocompatibile, ma soprattutto di altissimo valore estetico quindi ideale per l’utilizzo in campo medico, infatti le corone zirconio ceramica sono molto utilizzate perché soddisfano in modo eccellente le richieste del paziente più esigente.

La realizzazione di tali corone richiede elaborate fasi di lavorazione da parte del laboratorio che utilizza apparecchiature molto sofisticate il cosiddetto sistema CAD CAM

  • Cos’è il sistema cad cam? (foto di strani denti associata a tale parte testuale)
    E’ un rivoluzionario sistema che permette di eseguire tutte le fasi di progettazione (scelta della forma, dimensione,lunghezza dei denti) lavorazione e fabbricazione dei manufatti protesici direttamente a computer con risultati finali superiori a qualsiasi altro metodo.

  • Corone in disilicato:
    Un’alternativa alle corone in metallo ceramica sono le corone in ceramica integrale o disilicati, completamente prive di metallo e costituite da sola ceramica. La scelta e l’impiego di questi manufatti per le loro caratteristiche estetiche, sono particolarmente indicati nel settore anteriore. La caratteristica di questi restauri è quella di farsi attraversare dalla luce, permettendo un comportamento simile a quello dei denti naturali, inoltre non è indispensabile cercare di nascondere i margini della corona nella zona al di sotto della gengiva in quanto non avendo all’interno il metallo, non ci sono problemi di esposizioni antiestetiche.

I restauri in disilicato di litio offrono soluzioni altamente estetiche, grazie al comportamento cromatico naturale ed il passaggio naturale della luce. Rispetto ad altre vetroceramiche, presenta una resistenza maggiore di 2,5 – 3 volte. Essendo la ceramica e il disilicato di litio dei materiali bio compatibili possono essere utili in pazienti che riferiscono allergie ai metalli.

Nelle nostre cliniche, come da protocollo, subito dopo aver monconizzato l’elemento dentale viene inserita la corona provvisoria. Essa ha la funzione di proteggere il moncone e ripristinare sia l’aspetto estetico che funzionale e, non per ultimo, preparare i tessuti per accogliere la corona definitiva.

  • Protesi mobile (foto associata è una dentiera)

  • Caratteristiche
    Le protesi flessibili sono prodotti biocompatibili che presentano caratteristiche di altissima flessibilità e allo stesso tempo sono indistruttibili ed ultra leggere.
    La biocompatibilità è un requisito fondamentale, legato alla necessità di migliorare e/o ripristinare una determinata funzione biologica, senza interferire o interagire in modo dannoso con le attività fisiologiche dell’organismo.

  • Vantaggi ed indicazioni
    I vantaggi delle protesi in Nylon sono:

    • L’assenza di ganci metallici  (I ganci sono del colore dei tessuti simili a quello dei denti e delle mucose).
    • Più resistenti alle macchie rispetto ad altri materiali acrilici.
    • Grado di flessibilità perfetto, non si deformano né si indeboliscono.
    • Più confortevoli, più durature e più resistenti delle protesi tradizionali.